Il Museo Correale è un piccolo gioiello che sorge nella città di Sorrento, custode di un patrimonio d’arte e cultura che spazia tra stili e periodi storici differenti.

Opere d’arte napoletana ed europea di più secoli, preziose e rare testimonianze di una cultura millenaria ordinate secondo un moderno criterio cronologico.

Per il Museo Correale ci siamo occupati di sviluppare una campagna di comunicazione a partire dai seguenti obiettivi.

Tra gli obiettivi, quindi, c’era la necessità di un maggiore avvicinamento del museo ad un target giovane, oltre che ad un aumento complessivo degli ingressi.

Insight

“Sette italiani su dieci non vanno al cinema, non visitano un museo nè un sito archeologico. Al Sud più di otto adulti su dieci, l’82%, se ne tengono ben lontani.”

Fonte: Quattordicesimo Rapporto Federculture 2018 “IMPRESA CULTURA”.

In base agli obiettivi richiesti e all’osservazione degli insight, il lavoro si è concentrato su una keyword in particolare: #attualizzazione. L’idea di partenza era quella di mostrare che il modo “canonico” di concepire l’arte, soprattutto nel nostro paese, può essere sovvertito a favore di una chiave di lettura differente, più smart. Da questa riflessione, l’idea di strutturare una campagna che affiancasse l’arte ad un linguaggio tipico, per contenuti e forma di utilizzo, dei social.

La campagna, distribuita sui canali social del museo, è stata declinata tramite la produzione di una serie di contenuti all’interno dei quali ad alcune opere sono stati affiancati copy irriverenti e contemporanei, realizzati appunto sulla falsa riga del linguaggio tipico dei social.

Un nuovo modo di comunicare l’arte rendendola appetibile anche ad un target non sempre interessato.